Edodonzia

Endodonzia – Devitalizzazione – Cura canalare

L’endodonzia è la disciplina odontoiatrica che si occupa di trattare il tessuto molle (polpa) contenuto all’interno del dente chiamato molto comunemente “nervo”.

L’endodonzia può essere necessaria in vari casi:

 

endonzia1

- carie profonda ( che arriva al nervo)

- dente fratturato o molto scheggiato

- ascesso o gonfiore

- forte sensibilità al caldo o al freddo

- dolore alla masticazione

- scolorimento del dente

 

Il trattamento (totalmente indolore grazie all’utilizzo di anestesia) consiste nel rimuovere la polpa infiammata (o nervo), disinfettare i canali (dove era collocato il nervo) e poi sigillarli ermeticamente con una sostanza biocompatibile (guttaperca).

Passaggi fondamentali per ottenere una endodonzia di alto livello qualitativo sono :

-radiografia del dente in questione (meglio se effettuata con sistemi computerizzati)

endonzia2

 

-isolamento del campo operatorio con diga di gomma (foglio in lattice dal quale attraverso appositi buchi si fanno uscire i denti su cui si deve lavorare in modo da ottenere un campo asciutto, evitare contaminazioni ed ottenere una qualità massima nel lavoro da eseguire)

endonzia3

-eliminazione della carie e ricerca dei canali del nervo (negli studi di miglior livello ci si avvale di stumenti computerizzati per determinare la precisa lunghezza dei canali

endonzia4

 

-disinfezione e sigillatura dei canali (con tecnologie a caldo)

endonzia5

Dopo una corretta terapia il dolore (precedentemente presente) scompare ma rimane per qualche giorno un leggero fastidio durante la masticazione.

Un dente devitalizzato è piu fragile di un dente vitale per cui molto spesso richiede di essere ricoperto con una corona (capsula) per evitare fratture.

CHIRURGIA ENDODONTICA O APICECTOMIA

E’ un piccolo interventino chirurgico che consiste nel tagliare la punta della radice ed otturare il canale del nervo non dalla corona del dente (come si fa nella devitalizzazione) ma dalla punta tagliata (apice della radice).

Si rende necessario quando nonostante la devitalizzazione il dente continua a far male o quando si è impossibilitati ad eseguire una corretta endodonzia perché i canali sono irraggiungibili (molto contorti, chiusi o molto piccoli).